Intervista a Carolina Isella

1. Carolina, raccontaci di te e presentati alla community Travel Addicted

Ciao ragazzi, sono Carolina e se mi state leggendo è perché abbiamo qualcosa in comune.

Mi sono laureata all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, no non è questa la cosa che condividiamo, e sono una viaggiatrice accanita ecco qui ora è tutto chiaro. Dette queste cose noiose veniamo a noi e alle cose belle.

Viaggio e fotografia sono le mie due più grandi passioni, tant’è che da semplice passione ora la fotografia è anche il mio lavoro.

Le parole che mi vengono più spesso dette sono “ma sei sempre in giro” e in tutta onestà mi piace quando la gente me lo dice, perché vuol dire che faccio trasparire tutta la mia voglia di fare e di intraprendenza nel raggiungere i miei obiettivi.

Non voglio spoilerarvi troppo di me, perché mi piace parlare face to face con le persone quindi ci vediamo in giro ;)


2. Come è nata la tua passione per i viaggi?

Per quanto riguarda la mia passione per i viaggi devo tutto ai miei genitori, perché fin da piccola ho girato il mondo.

Pensate che il mio primo viaggio estero è stato quando avevo 1 anno alle Maldive, quindi grazie mamma e papà vi voglio bene, ma sarebbe stato bello ricordare qualcosa di quella esperienza.

Da qui poi crescendo ho iniziato a girare con amici e poi da sola, cosa che amo fare alla follia, e dopo un viaggio in solitaria nel Sud est asiatico, ho capito che il viaggio è una delle cose fondamentali per me.

3. Quale viaggio ti piacerebbe fare nel prossimo futuro?

Posso dire tutti i vostri viaggi? A parte gli scherzi mi piacerebbe esplorare l’Uzbekistan, un paese ancora poco turistico ma con una storia molto affascinante.

4. Perchè viaggiare con Carolina isella?

Sono una persona molto auto ironica quindi mi verrebbe da dire “no ragazzi non chiedete a Carolina di fare un viaggio con voi, è pazza” ma questa mia pazzia sta nel fatto che se decido di andare in un posto, ci metto due secondi a comprare i voli e ad organizzare il tutto.

Cosa ci volete fare, sono fatta così, l’avventura è la parola che più mi rappresenta.

5. Le tre cose che non mancano mai nella tua valigia :)

Domanda difficilissima, ma direi che non possono mai mancare la macchina fotografica, delle cuffie perché la musica è sempre con me e il telefono perché mamma e papà se no chi li sente più.